You're browsing category:La gente

Angola / La gente

Il potere del saluto

  Bom dia, boa tarde, boa noite. Mai dimenticarsi di salutare e sorridere. È gratuito quindi perché non farlo. La gente dell’entroterra angolano è socievole e sempre sorridente, non soffrendo lo stress delle grandi città della costa dove traffico e sovrappopolamento rendono le persone molto più nervose. Nel breve tragitto che compio quotidianamente, dalla casa […]

La gente / Niger

La città si risveglia con i venditori ambulanti

Tra le strade di sabbia e polvere, qualche volta solcate da un sottile strato d’asfalto, le prime persone che trovi al mattino sono i commercianti. Nel piazzale accanto a casa, già dalle prime ore del mattino, si incrociano i venditori ambulanti che, con un carretto di legno più o meno improvvisato, vagano per le strade […]

La gente / Libano

I Libanesi sono come il Tabboulleh

“Imparerai col tempo che i Libanesi sono come uno dei suoi piatti più tipici: il Tabboulleh! Che con la sua combinazione di ingredienti e proporzioni  ̶  bulgur, prezzemolo, cipollotti e menta tritati fini, con l’aggiunta di pomodoro e cetrioli a tocchettini, il tutto condito con succo di limone e olio d’oliva  ̶  è una ricetta […]

Brasile / La gente

Un’allegria che contagia tutti

Se fin dai primi giorni di questo soggiorno mi sono sentita davvero a casa, questo lo devo alla gente, ao povo brasileiro, accogliente e sorridente. “Seja bem-vinda” mi dicevano e continuano a dirmi. Basta essersi visti una e due volte per strada che ad ogni incontro scatta un “Oi, tudo bem?”. Ecco, su questo devo […]

La gente / Senegal

Fare amicizia non è poi così facile

Vivere a Dakar in un quartiere di nuova costruzione significa non beneficiare di quell’atmosfera conviviale che si respira altrove, nei quartieri di più vecchia costruzione o anche nei cosiddetti “villaggi tradizionali” che sono un groviglio di mattoni e di persone che si conoscono tutte fra loro. A Liberté VI ognuno resta a casa sua ed […]

Egitto / La gente

Napoli non è poi così lontana

Clacson a intermittenza, gente che urla vendendo di tutto a ogni angolo, possibilità di mangiare a qualsiasi ora della giornata, feste che dovrebbero essere familiari che diventano di vicinato, inaspettati punti di ritrovo culturali e letterari in quartieri improbabili, bambini che giocano per strada, il riconoscere che non sei della zona e che potresti aver […]