I racconti

Le curiosità

La vita del cooperante espatriato è strana. Lo è perché vive uno stato di doppia assenza, quella dal Paese di provenienza, che lascia dietro di sé e ritrova solo per brevi ritorni temporanei, e quella dal Paese di arrivo, che non sente mai completamente suo, a prescindere per quanto tempo vi risieda.
Una volta ho imparato che anche i conflitti più estremi e sanguinari si possono risolvere con il dialogo e che la caparbietà delle idee di pace è più forte della paura. Ho imparato che costi quel che costi bisogna dare tutto se stessi per una idea, per cambiare il mondo, semplicemente perché è necessario farlo.
Prima della pandemia far la fila in banca, scegliere la frutta al mercato o semplicemente chiedere un’indicazione a un passante erano occasioni per poter conoscere persone, scambiare quattro chiacchiere e tessere dei legami. Durante quest’ultimo anno, invece, ho cercato di evitare contatti, parlare il meno possibile e, ovviamente, ho dovuto sempre tenere la mascherina, cosicché pochi sono stati i sorrisi scambiati. Tuttavia, tre donne hanno reso la mia permanenza a Capo Verde più piacevole e allegra, nonostante le rigide condizioni.
Salire in vetta al Pico Grande, il vulcano dell’isola di Fogo, la montagna più alta di Capo Verde, non è stata soltanto una bella esperienza di trekking, ma ha significato per me qualcosa di più. Il senso di pace e di distacco che si prova dalla cima del monte mi ha portato un senso di pace e di relazione con la natura che ancora sento dentro di me.
La Paz, la città dove vivo, racchiude in sé tutte le differenze e tutti i contrasti che si possono trovare in Bolivia, un Paese fatto di culture diverse, di tanti popoli indigeni e di un’enorme varietà geografica, con grandi diseguaglianze economiche dove estrema povertà e ricchezza convivono fianco a fianco.
Un Paese con tantissime differenze al suo interno, soprattutto fra la città e la campagna, è unito da un carattere comune della sua gente, la socievolezza dei tunisini, il loro senso dell’ospitalità, che ti attrae immediatamente e ti fa sentire a casa, mettendo in evidenza quanto davvero unisce le due sponde del Mediterraneo.

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani sempre aggiornato sul lavoro di COSPE