Al risveglio / Palestina

La magica luce di Betlemme al mattino

La sveglia suona, imperterrita e puntuale, come quasi ogni mattina, alle 7. Solo quando vado a Gaza (almeno una volta alla settimana) mi tocca la levataccia. Mi sveglio prima del sole, quasi al canto del muezzin per la prima preghiera del mattino.

Ho bisogno dei miei tempi. Mi alzo con molta calma e mi dirigo alla finestra: c’è una bellissima luce su Betlemme, stamattina. È l’assurdità di questo posto, a cui penso non mi abituerò mai, nemmeno dopo quasi più di tre anni in terra palestinese. Da una parte questa atmosfera mistica, magica, spirituale che ti regala pace; dall’altra, in lontananza, il rumore delle trivelle che scavano nelle colonie* di fronte a Betlemme: ecco il rumore dell’occupazione. Che ti riporta dritta dritta alla realtà e alla crudele contraddizione che caratterizza questa terra, che amo tanto, bella ma martoriata da check point, colonie, soprusi, violazioni. Chissà quante nuove unità abitative proclamerà di costruire Bibi oggi?

Mi preparo con molta calma, doccia al volo ed ecco che sento il rumore della moka provenire dalla cucina. Il caffè italiano non manca mai nelle case dei cooperanti ed è il pegno che di solito si chiede di pagare a che viene in visita (insieme al parmigiano, ovviamente). Mangio la mia solita fetta di pane e avocado, chiedendomi dove è stato prodotto. Qui ogni scelta, anche la più banale, ha un’implicazione etica. Mi chiudo le porte alle spalle piano piano, per non svegliare il mio coinquilino, che ancora dorme, e mi dirigo alla macchina. Che check point mi conviene fare oggi? Ogni mattina è un calcolo strategico che considera innumerevoli variabili: traffico, orario, giorno della settimana, festività e così via. Ringrazio il cielo per il mio passaporto italiano, che mi permette di scegliere tra ben 3 check point e mi dirigo verso Gerusalemme.

 

*Le colonie sono insediamenti israeliani in territorio palestinese occupato, illegali secondo il diritto internazionale.

Paola

Paola Plona nasce nel 1989 a Brescia, città con cui ha instaurato un rapporto conflittuale. Sin da piccola sviluppa un forte senso di giustizia sociale che la porta a immergersi in numerose attività di volontariato a supporto dei più vulnerabili e delle più vulnerabili. Quando arriva il momento di scegliere il percorso universitario, la triennale in Scienze politiche e diritti umani dell’università di Padova le sembra la scelta più naturale. Dopo un periodo all’estero, continua gli studi con una Magistrale su Diritti umani e Medio Oriente a Torino. Nel 2015, grazie ad un’esperienza di volontariato con Operazione Colomba, si innamora della Palestina e delle sue contraddizioni. Dopo un Master in Cooperazione internazionale presso l’ISPI, decide di tornare in Palestina, dove vive da quasi tre anni. Da circa sei mesi lavora al COSPE come cooperante sul tema dell’eguaglianza di genere nella Striscia di Gaza e Cisgiordania occupata.

More Posts

Related posts

Al risveglio / Cuba

L’Avana, un sogno bellissimo e dai contorni incerti.

L’Avana è una città grande, caotica, rumorosa, vivace e colorata, circondata di blu, del mare e del cielo. Non ha niente a che vede...

Al risveglio / Capo Verde

La sinfonia di rumori
di São Filipe

Il risveglio a São Filipe è quasi sempre rumoroso. Il suono piacevolmente costante e ipnotico delle imponenti onde dell’oceano Atla...

No comments

Leave a comment