La consapevolezza di sentirsi al posto giusto nel momento giusto

Una passione di sempre, quella per il mondo arabo con i suoi odori e i suoi sapori, dolci e forti insieme, con i suoi suoni e le sue voci, mi ha condotto verso scelte sempre più definite e sempre più importanti, fino a farmi scoprire la cooperazione internazionale e a trovare il mio posto nel mondo.

È difficile oggi pensare che sono già passati sei anni dalla prima volta che dall’aereo ho visto il lago di Tunisi e ho assaporato il caldo africano.

Sono arrivata in estate, nel settembre 2014, a 25 anni grazie ad una borsa di studio per continuare parte del mio percorso di studi magistrali alla facoltà di scienze politiche di Tunisi, ma non ero nuova a questo mondo, ai suoi sapori, odori, suoni, timbri di voce.

I Paesi e la cultura arabi per me sono sempre stati una passione e perciò mi sono ambientata con facilità, pur essendo arrivata completamente da sola. I tunisini per fortuna sono un popolo cordiale e socievole, come del resto lo sono anch’io: amo molto parlare e in poco tempo avevo il mio giro di amiche e di amici, il mio locale preferito, il mio fruttivendolo di fiducia.

Il lavoro come cooperante è arrivato successivamente dopo una serie di incontri fortunati e dialoghi interessanti che mi hanno fatto scoprire quanto la cooperazione internazionale possa farti sentire utile e rendere allo stesso tempo utile il tuo lavoro. È stata soprattutto la mia esperienza di servizio civile in Marocco, la mia prima esperienza sul campo, che mi ha fatto capire che questo poteva essere il lavoro che mi avrebbe reso oltretutto felice.

Oggi lavoro nelle zone periurbane e rurali della Tunisia insieme a uno staff di più di 20 persone, tra colleghi e colleghe italiani e tunisini, su progetti di sviluppo in ambito sanitario. È forse la prima volta che mi sento al posto giusto nel momento giusto: il mio sogno quindi non è più un desiderio remoto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Silvia

Silvia

Sono Silvia Sassone, ho 31 anni e vivo all’estero da ormai 6 anni. Grazie agli studi e alla voglia di viaggiare ho deciso a 19 anni di partire da un piccolo paesino della Basilicata dove sono nata e cresciuta come Heidi, tra montagne e natura, per seguire la mia passione. Ho studiato lingua e cultura araba a Roma e Diritti umani a Padova e ho avuto l’opportunità di vivere, scoprire e impegnarmi viaggiando attraverso il Libano, la Siria e il Marocco oltre che alla Tunisia, il Paese dove abito da ormai 5 anni. Lavoro con COSPE da 3 anni su progetti sanitari legati alla promozione della salute preventiva, incarico che amo molto.

Articoli correlati